Posts Tagged ‘le Stellefilanti taccuino di viaggio’

Zingari di merda

14 ottobre 2013

Un viaggio ai confini del mondo “civilizzato”, dentro quella fascia di miseria che attraversa il ventre dell’Europa.
Un reportage di rara intensità e ferocia.

effigie moresco giovannetti zingari

Antonio Moresco . Giovanni Giovannetti
Zingari di merda
le Stellefilanti taccuino di viaggio

Nel suo linguaggio irruente e abnorme, come abnorme è la realtà che descrive, Antonio Moresco trascina i suoi lettori fin dentro una delle contraddizioni più acute di questo secolo. Il racconto procede in un dialogo ininterrotto con i compagni di viaggio, l’occhio fisso sui marciapiedi della civiltà, dove gli zingari, uomini e donne che non stanno mai fermi, sono la nostra parte più miserabile, irriducibile, più individualista e fatalista: sono noi eppure sono anche assolutamente altro. C’è qualcosa nella loro presenza di inspiegabile e sfuggente, di infinitamente arcaico eppure duttile. È lì che ci porta il viaggio di Moresco, sulla soglia del silenzio. Lì dove arrivano anche le fotografie di Giovanni Giovannetti che chiudono il libro.

acquista online Zingari di merda

gli economici

:::
Antonio Moresco nel catalogo effigie

:::
Giovanni Giovannetti nel catalogo effigie

:::
casa editrice effigie il catalogo

Tutti i nomi dell’estate

14 ottobre 2013

Marco Ciriello
Tutti i nomi dell’estate
Remake di un viaggio Pasoliniano
le Stellefilanti taccuino di viaggio

L’autore ripercorre e attualizza il viaggio compiuto da Pier Paolo Pasolini nell’estate 1959, lungo le coste italiane da Ventimiglia a Trieste: i luoghi e le storie – il Po, la notte a Scampia, la normalità di Lampedusa e Carloforte… – raccontate in questo “taccuino di viaggio” sono un po’ wallaciane, un po’ western, un po’ metropolitane. «Pasolini diceva che “i maestri vanno mangiati in salsa piccante”, questo l’ho capito dopo aver fatto il viaggio per scrivere il mio, volevo raccontare di lui e ho detto di me, volevo ricordarlo e invece l’ho perso: cercavo Pasolini ed ho trovato l’estate».

acquista online Tutti i nomi dell’estate
:::
a proposito di Pier Paolo Pasolini nel catalogo effigie

:::

Roberto Citran nei panni di Giorgio Steimetz autore di Questo è Cefis incontra Pier Paolo Pasolini, interpretato da Massimo Ranieri, nel film La macchinazione

:::
casa editrice effigie il catalogo

Patagonia Blues

14 ottobre 2013

pariani patagonia

Laura Pariani
Patagonia Blues
le Stellefilanti taccuino di viaggio

Laura Pariani è andata per la prima volta in Argentina, e in Patagonia, quando aveva 15 anni, in un viaggio folgorante, alla ricerca di un nonno che si era trasferito là. Su questo palinsesto i ritorni si sono accumulati come fonte inesauribile di scoperte di sé e della vita. Nella sua Patagonia il paesaggio del Fin del Mundo è segnato dalle ferite immedicabili dello sterminio indio. C’è uno spaesante contrasto tra la «discrezione dei manufatti umani», spesso definiti «arrugginiti», e la «densa vitalità» della natura. Alla più alta percentuale di suicidi dell’Argentina si affiancano i residui di una affascinante cultura arcaica e magica, che sconcerta il viaggiatore. Ma quanti miti, storie e incontri indimenticabili, soprattutto quando il fuegino – un po’ «ballista», magari – si rivela uno straordinario affabulatore. Patagonia Blues è solo la prima puntata di un pellegrinaggio, pieno di grazia e insieme di desolazione, nello spazio e nella storia argentina.

acquista online Patagonia Blues

gli economici

:::

:::
casa editrice effigie il catalogo