Posts Tagged ‘Maria Pia Quintavalla’

Maria Pia Quintavalla

15 ottobre 2013

China
Breve storia di Gina, fra città e pianura
le Stellefilanti poesia

I compianti
poesie
le Ginestre

·
Maria Pia Quintavalla è nata a Parma. Vive a Milano, dove cura seminari di letteratura all’Università degli Studi. Sue opere sono state tradotte in lingua spagnola, tedesca, inglese e serbocroata.

:::
casa editrice effigie la poesia

:::
casa editrice effigie il catalogo

I compianti

13 ottobre 2013

Tu sei di specie piccola
mansueta, che ricalca i solchi di sabbia
nel terreno e con le mani bisbiglia
parole strane come le bestemmie
e piange sangue dagli occhi,
come i santi e gli ebeti in sordina.

quintavalla

Maria Pia Quintavalla
I compianti
le Ginestre

Attraverso le stanze della casa paterna, di una strada di una piazza di una città, si svolge il rito del compianto sulla morte del padre. I fondali di scena sono testimoni, come nella pittura e nel teatro, delle voci impegnate a dialogare fino all’ultimo, di un padre e di una figlia, nell’intimità dei loro affetti, unica guida al viaggio; ma gli affetti hanno un corso sinuoso e ritorni, come i versi. Del montaggio delle voci sono garanti i luoghi, che si fanno coro:

Sacralizzare di ogni chiesa le aperture
finestre mani, senza sepoltura
una campagna esplosa, una Madrid
da passeggiata.

La figlia vuole traghettare il vecchio padre alla soglia dei semprevivi alla partenza, che si lascia socchiusa, dove il tempo non è alleato, ma le immagini e i suoni.

Non sai che trattenerci è il tuo mestiere,
mentre noi non possiamo
farlo a te,
legati a ritmi di catene.

Come nel mito, l’eroe deve discendere agli inferi per poi ascendere al paradiso, un «Gesù convinto di parole». In appendice compaiono scritti di lui, scampato alla morte nel campo di prigionia Stalag XVII A, quando si fa strada il sentimento della speranza nella riscrittura de Il Rigoletto, dove rivive la sua voce di suggeritore di scena, e la «canzone del prigioniero, che incensurata si scolpiva nel cuore».

acquista online I compianti

:::
casa editrice effigie la poesia

:::
casa editrice effigie il catalogo

China

13 ottobre 2013

Chi è China?
Il nome della protagonista, o di un continente lontano?
Un segno della caduta, o dell’essere piegati:
e tutti questi sensi destinati a diventare inchiostro, scrittura.

quintavalla

Maria Pia Quintavalla
China
Breve storia di Gina, fra città e pianura
le Stellefilanti poesia

Cara madre,
dai foulards in pervinca azzurro,
o rosa fucsia pallido, che in ampio nodo
incoronavano il tuo viso come un manto,
regale come una Bernadette antica,
ti destinavano al sacrificio, o alla visione.

Un romanzo breve, in versi, suonato come il fiato lo richiede, pronto alla fuga delle immagini e dei personaggi, pronto a intercettare quel volto, i suoi dialoghi, scavando indietro anche nella giovinezza di lei, narrata. Quel che è certo è che la protagonista e China sono diventate una cosa sola (come agli inizi), ma ora sono in due. Lei sa che ha amato China e China ha amato lei. Anche se con linguaggi diversi, infatti, «le tue parole in musica contro / la mia musica con le parole, sempre»: vi si narra la storia di un mistero. Le protagoniste si immortalano in un gioco di sguardi, come ne Las meninhas, quasi a strappare le regioni del silenzio a quelle dell’amore. China è mille personaggi, non solo la madre, ma una donna che parla, «…per intonare una sua antica voce», dopo che «all’inferno / era la storia per sempre risaputa, / di ragazze e gambe agili della pianura / pezzo della sua strada al paradiso».

acquista online China

:::
casa editrice effigie la poesia

:::
casa editrice effigie il catalogo