Il gatto in poltrona

I fantasmi sono di scena

Alfonso Gatto
Il gatto in poltrona
La televisione italiana e la penna di un poeta
a cura di Annalisa Gimmi
Saggi e documenti

Tra il settembre 1964 e il dicembre 1965, Alfonso Gatto firma una rubrica di critica televisiva sulle pagine della “Fiera letteraria”, ironicamente intitolata Il gatto in poltrona. Il poeta salernitano per 15 mesi diventa così osservatore dei programmi proposti dalla RAI, e li commenta con l’attenzione dell’intellettuale affascinato dalle potenzialità del nuovo mezzo, ma preoccupato per la banalizzazione della cultura e della comunicazione che già allora si nascondeva tra i lustrini delle trasmissioni. Nelle pagine di questa rubrica scorrono i nomi dei protagonisti televisivi negli anni Sessanta: dagli spettacoli di varietà che avevano per protagonisti Marisa Del Frate o le gemelle Kessler, Enrico Viarisio o Corrado, o l’immancabile Mike Bongiorno, alle trasmissioni più decisamente culturali. Quanto al giornalismo, Gatto mostra la sua spiccata predilezione per TV7, format talmente azzeccato da essere ripreso in anni più tardi dalla TV e tuttora ben vitale. Così come La domenica sportiva. E poi il cinema, il teatro, e ogni occasione di cultura proposto dal video. Gatto osserva, si diverte, si annoia, a volte si indigna. L’autore commenta dal punto di vista dell’uomo di lettere, e spesso la sua penna prende solo spunto da un programma andato in onda nella settimana, per stilare pezzi di costume, di arte, di attualità. Come scrive Aldo Grasso nella postfazione a questo libro, «Il legame della prima critica televisiva italiana (fino ai tardi anni Sessanta) con il mondo della poesia e della letteratura s’impone come una specificità del panorama culturale italiano: oltre a Gatto, anche Campanile, Bianciardi, Fratini, Guareschi, Pasolini (con alcuni interventi dalle pagine del “Corriere”) si impegnarono in prima persona nella critica al nuovo medium – quando ancora non si sapeva cosa fosse la critica televisiva, come esercitarla, con quali strumenti – e parteciparono alla creazione di un pensiero intorno alla TV. È per questo che la raccolta delle critiche di Gatto invita il lettore a non fermarsi al piacere della lettura delle recensioni (che sono gustose, pungenti, colte) ma si offre anche come frammento di una riflessione più ampia sul contributo che un certo settore della critica televisiva italiana ha portato ai processi di istituzionalizzazione del medium nel contesto culturale e sociale italiano».

acquista online Il gatto in poltrona

:::
casa editrice effigie il catalogo

Advertisements

Tag: , , , , , ,