Un dialogo infinito

Molti si compiacciono di rendere il loro dialogo un monologo. Io vorrei poter fare del mio stesso monologo un dialogo.

Massimo Rizzante
Un dialogo infinito
Note in margine a un massacro
Saggi e documenti

Octavio Paz ha detto una volta: «Ho scritto e scrivo perché intendo la letteratura come un dialogo con il mondo, con il lettore e con me stesso – e il dialogo è tutto il contrario del rumore che ci nega e del silenzio che ci ignora. Ho sempre pensato che il poeta non è solo colui che parla, ma colui che ascolta».
La parola scritta, infatti, è un bambino che dorme e soltanto quando si dialoga il bambino riapre gli occhi.
Che cosa può fare la critica letteraria se non aprire gli occhi sul mondo e dialogare con le opere?
Negli ultimi vent’anni Rizzante è stato in molti luoghi e ha scritto su autori di molti paesi, dall’Islanda all’Africa settentrionale, dall’America Latina all’Europa centrale, dal Giappone alla Grecia.
Nel libro il lettore potrà vagabondare liberamente tra le opere di Saramago, Fuentes, Kundera, Oe, Goytisolo, Bergsson – che l’autore ha incontrato e con cui ha dialogato –, o fermarsi ad ascoltare le voci più lontane ma sempre presenti di Kafka, Nabokov, Eliade, Andri, o di poeti tanto dimenticati quanto essenziali come Oscar V. de Lubicz Milosz, Lamborghini, Crnjanski, Kachtitsis…
Oggi, secondo Rizzante, non basta concepire la storia della letteratura in modo sovranazionale. Bisogna tener conto dell’albero genealogico che ogni artista fa crescere e ramificare dalla sua opera e dalla sua immaginazione.
Soltanto così la Storia e la storia della letteratura ci saranno restituite in modo non solo più legittimo, ma più profondo.

:::
acquista Un dialogo infinito su ibs.it «

:::

La mia Praga e i russi che ora non odio più [repubblica.it/cultura]
Massimo Rizzante in dialogo con Milan Kundera che racconta i suoi esordi, le curiosità e l’eredità del comunismo.

:::

Massimo Rizzante (1963) è poeta, saggista, traduttore.
Ha fatto parte dal 1992 al 1997 del Seminario sul Romanzo Europeo diretto a Parigi da Milan Kundera.
Insegna all’Università di Trento.
Ha pubblicato le raccolte di poesia Lettere d’amore e altre rovine (Biblioteca Cominiana, 1999), Nessuno (Manni, 2007) e Scuola di calore (Effigie, 2013).
Tra i lavori saggistici ricordiamo L’albero. Saggi sul romanzo (Marsilio, 2007) e Non siamo gli ultimi, vincitore del Premio Dedalus (Effigie, 2009). Per Adelphi ha tradotto Il sipario (2005), Un incontro (2008) e La festa dell’insignificanza di Milan Kundera.
Ha curato: l’antologia poetica di O. V. de L. Milosz, Sinfonia di novembre e altre poesie (2008); M. Crnjanski, Lamento per Belgrado (Ponte del Sale, 2010); la nuova edizione dei Sonnambuli di H. Broch (Mimesis, 2010); Scuola del mondo. Nove saggi sul romanzo del XX secolo (Quodlibet, 2012); N. Kachtitsis, Punto vulnerabile (La Camera Verde, 2012); O. Lamborghini, Il dottor Hartz e altre poesie (Scheiwiller Libri, 2012); J. Goytisolo, Esiliato di qua e di là (Mimesis, 2014); T. G. Pavel, Le vite del romanzo (Mimesis, 2015).

:::
casa editrice effigie il catalogo

Annunci

Tag: , , , , , , ,

5 Risposte to “Un dialogo infinito”

  1. Dopo l’annuncio del Grande Onanista | Says:

    […] uscito in queste settimane il nuovo libro di Massimo Rizzante, Un dialogo infinito. Note in margine a un massacro (Effigie). È fatto di saggi, interviste a romanzieri (Saramago, Fuentes, Kundera, Oe, Goytisolo, […]

  2. Il demone roditore | La dimora del tempo sospeso Says:

    […] da: Massimo Rizzante Un dialogo infinito Effigie Edizioni, […]

  3. La poesia e il mondo della prosa | Zibaldoni e altre meraviglie Says:

    […] pezzo si trova in Un dialogo infinito di Massimo Rizzante (Effigie, pagg. 258, euro […]

  4. Un’altra modernità | La dimora del tempo sospeso Says:

    […] da: Massimo Rizzante, Un dialogo infinito Milano, Effigie Edizioni, […]

  5. Io non posso rivivere | La dimora del tempo sospeso Says:

    […] da: Massimo Rizzante Un dialogo infinito Effigie Edizioni, […]

I commenti sono chiusi.